Carbonada

Sonia Peronaci oggi prepara la 'carbonada' che altro non è che una carne stufata di un colore molto scuro, succosa e saporita, che viene tipicamente servita insieme alla polenta concia ovvero condita con burro e formaggi. Il nome particolare di questa carne, “carbonada” fa riferimento proprio al colore che grazie alla marinatura intensa a base di vino rosso, fa diventare la carne molto scura.

Difficoltà: Facile

Tempo: 3h30'

Costo: Medio

- +
REGOLA LE DOSI
Ingredienti per 4 persone
PER LA MARINATURA
PER LA COTTURA

Preparazione

  1. Taglia la carne a cubetti di 3 cm. Mettila in un contenitore con gli aromi, il ginepro schiacciato e le cipolle sbucciate con i chiodi di garofano conficcati. Copri con il vino, chiudi e fai marinare in frigo per 24 ore.

  2. Scola la carne (conserva liquido e verdure). Tamponala e infarinala. Rosolala con l’olio, poi toglila e tienila al caldo.
    Trita le cipolle della marinatura con sedano e carote. Rosola tutto nello stesso tegame della carne per 10 minuti. Unisci i bocconcini e il vino. Fallo evaporare, aggiungi 1-2 mestoli di brodo e chiudi. Cuoci per 2 ore, versando del brodo. Spegni e sala.

     

Il consiglio dello Chef

STORIA
Tipica della Val D’Aosta, la carbonada prende il suo particolare nome dal color scuro, color carbone appunto, che assume la carne dopo la lunga cottura nel vino.