Cibi fermentati, quali sono e perché fanno bene alla salute

Mangiare cibi fermentati fa bene, rinforza il sistema immunitario ed è una vera iniezione di microrganismi benefici per il nostro apparato digerente

Mangiare cibo fermentato fa bene ed oggi è considerato il ritorno di un semplice metodo di conservazione del cibo che fa molto bene. Ma che cosa si intende per cibo fermentato? È il prodotto antico degli esperimenti di conservazione fatti con l’obiettivo di mantenere più a lungo alcuni alimenti,  è quel processo chimico che consente di liberare l’energia contenuta nello zucchero glucosio, per renderla utilizzabile, ed è in genere intrapresa da lieviti e batteri in assenza d’ossigeno. E' un procedimento antico, utilizzato per secoli per conservare a lungo i cibi. La fermentazione del cibo facilita la digestione e il processo di assimilazione di alcune proprietà benefiche degli alimenti assicurando il benessere dell’apparato digerente. 

Ma quali sono i cibi fermentati più comuni? Il pane con lievito madre, il vino, la birra, lo yougurt, i crauti, le verdure lattofermentate, il miso, kefir